Che senso ha la Commissione federale consultiva per la prevenzione del tabagismo?

22 December 2016

COMUNICATO – Losanna, 22 dicembre 2016

Che senso ha la Commissione federale consultiva per la prevenzione del tabagismo?

L’aggiornamento della posizione della CFPT sui prodotti dello svapo è stata recentemente mediatizzata, sebbene sia stata resa pubblica il 22 settembre scorso. L’associazione Helvetic Vape aveva già criticato questa presa di posizione con una lettera aperta inviata il 7 ottobre 2016 alla signora Meier-Schatz, presidente della commissione. La lettera aperta, che illustra l’incompetenza e la mancanza di riflessione della commissione sul tema dello svapo, non ha avuto fino ad oggi risposta.

Alla luce della situazione attuale, l’associazione Helvetic Vape ritiene che questa commissione consultiva non abbia più alcuna utilità e debba quindi essere sciolta. Le nuove strategie nazionali (dipendenze e prevenzione delle malattie non trasmissibili) puntano alla messa in comune delle competenze in materia di dipendenze, sia da sostanze legali sia da sostanze illegali, nell’ottica di una riduzione dei rischi e dei danni e di una responsabilizzazione dei consumatori. Le raccomandazioni tradizionali contro i consumatori, contro la riduzione dei rischi e centrate sulla dottrina prettamente anti-nicotina della CFPT sono anacronistiche e non si iscrivono più nei nuovi programmi politici. La commissione federale per le questioni legate alla dipendenza è chiaramente più competente per consigliare l’esecutivo su una politica pragmatica di gestione del consumo di nicotina nel nostro paese.

Le raccomandazioni passate della CFPT hanno creato uno scandalo per la sanità pubblica che è stato denunciato dall’associazione Helvetic Vape e ha portato alla debacle del progetto di legge sui prodotti del tabacco. L’esecutivo non può più permettersi di andare fuori strada con progetti ispirati da posizioni monolitiche d’altri tempi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *